mercoledì 4 giugno 2014

Notes for myself: emergency handling needs to be taken into account


Buonasera!

un buon ingegnere che si rispetti deve avere tutto sotto controllo nella sua applicazione, nel gergo emergency handling. Ecco, questa volta, ho fallito. Non ho controllato tutto, e così, di questa bellissima torta è rimasta di fatto l'immagine digitale. Null'altro. Non una goccia di cioccolato. Non una briciola. 

L'errore? Lasciarla scoperta su un tavolo ancora tiepida. 
L'agente? Quella piccola bestiolina di Norah.
Il risultato? Due grandi occhioni colpevoli.

La prossima volta cercherò di essere un pochino più attenta, certo è che la mia cucina non può essere tappezzata di tracker. Solo renderò la torta il meno accessibile possibile.  
Quello che posso assicurarvi è che l'idea di questa torta è una delle mie preferite. Se Norah potesse parlare, forse ve la consiglierebbe anche. 
Provatela e questa volta fatemi sapere. La ricetta l'ho presa da www.monpetitbistrot.blogspot.com

Ingredienti

int uova = 3;
int farina_00 = 250; %g
int zucchero = 200; %g
int burro_fuso = 120; %g
int lievito = 1; %bustina
int gocce_cioccolato = 50; %g
int ricotta_pecora = 340; %g

Procedimento

Scaldiamo il forno a 180°C. In una ciotola, mettiamo lo zucchero e la ricotta e sbattiamo con le fruste fino ad ottenere una crema spumosa. Aggiungiamo un uovo alla volta, poi il burro fuso. Setacciamo farina e lievito e aggiungiamoli un poco per volta al composto di zucchero, ricotta, uova e burro. Infine aggiungiamo le gocce di cioccolato. Versiamo il composto ottenuto in una tortiera del diametro di 24 cm. 
Inforniamo per 50 mins. 

Sforniamo e teniamo il più lontona possibile da qualsiasi fonte affamata. Buon assaggio, a voi che potete. 

r.

7 commenti:

  1. AhAhAhAhAh purtroppo capita che ci sia qualche intruso che si mangia la ricetta del blog :))
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Almeno, qualcuno ne ha goduto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah sicuramente, mi sembrava parecchio soddisfatta!

      Elimina
  3. Beh una torta osi è un richiamo sul tipo di mangiamiiiiiiiii ed ha ottenuto una grande soddisfazione. Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Hihhihi, a me è successa una cosa simile con il mio procione (lo chiamo procione ma era un gatto ;-). Crostata al limone sfornata da poco, trovata mangiucchiata! La dovevo portare dai suoceri e ci è arrivata comunque ma senza una porzione pari ad un paio di fette!
    Un'altra volta invece l'ho trovato che dormiva su un vassoio di pasta fatta in casa -..-
    Quanto mi manca il mio procione! :(
    Anzi guarda, visto che me l'hai fatto ricordare (mi ha fatto compagnia per be 16 anni!) ti linko una sua foto:
    http://conigliogiallo.blogspot.it/2011/03/camillo.html

    Ciao!
    (mi iscrivo qui, che è un bel posticino ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!! Benvenuta... ma quanto era bello Camillo? Immagino, lasciano un vuoto incolmabile!

      Elimina